Normativa

Stalking condominiale: come difendersi

Come abbiamo visto, le realtà condominiali sono sempre più spesso terreno fertile per la nascita di ostilità, dissapori e controversie. Si profila un nuovo tipo di reato relativo agli atti persecutori nei rapporti tra vicini di casa. Si tratta del cosidetto stalking condominiale.

Dicesi stalking condominiale un reato commesso da condòmini che, volontariamente, pongono in essere comportamenti molesti e persecutori ai danni di altri soggetti residenti nello stesso edificio, tanto da generare in loro un profondo e costante stato di ansia, agitazione e paura che li porta, spesso, a modificare sensibilmente le proprie abitudini.

Capita sempre più spesso che le incomprensioni nei rapporti di vicinato, talvolta inasprite da rancori pregressi, sfocino in condotte penalmente rilevanti. Si va oltre la maleducazione, quindi. Il campo di applicazione del reato di atti persecutori è stato esteso anche al contesto condominiale, al fine di tutelare chi vede turbata la propria tranquillità domestica.

Lo stalking condominiale consiste, a lato pratico, in atti volti ad arrecare intenzionalmente disturbo ad uno o più condòmini per periodi prolungati, al punto da condizionarne la vita quotidiana.

In generale, gli atti persecutori che possono rientrare nella fattispecie di stalking condominiale sono:

  • minacce;
  • intimidazioni;
  • insulti;
  • ricatti;
  • rumori oltremodo molesti, come, ad esempio, tenere la radio accesa a tutto volume in piena notte;
  • danni agli animali domestici, come maltrattamenti, sevizie o avvelenamento;
  • atti deliberatamente volti a mettere a repentaglio l’incolumità delle vittime, come, ad esempio, versare sostanze scivolose nei pressi degli usci.

Cosa fare se si è vittime di stalking condominiale

Le vittime hanno la possibilità, innanzitutto, di denunciare i fatti alle autorità competenti, presentare apposite richieste di ammonimento al Questore e sporgere querela entro sei mesi dai fatti incriminati. Devono essere dimostrati i comportamenti molesti degli stalker con testimonianze scritte ed orali, filmati o registrazioni, e vanno dimostrate anche le conseguenze psicologiche che tali condotte hanno causato alle vittime.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top